Cultura, arte e committenza nella Basilica di S. Antonio di Padova tra Ottocento e Novecento.
Convegno internazionale di studi. Padova, 22-24 maggio 2019

Luciano Bertazzo, Francesca Castellani, Maria Beatrice Gia, Guido Zucconi (a cura)
Collana
Centro Studi Antoniani - CSA
Edizione
1
Anno
2020
Pagine
491
Formato
24x17 cm
Illustrazioni
156
Destinatari

Per tutti, appassionati e studiosi di arte, storia, musica della Basilica di Sant’Antonio di Padova

Tipo copertina
Brossura con alette
ISBN
978-88-95908-18-2
Cod. CSA
CSA67
Lingua
Italiano
Note

Nota:  L'acquisto on-line verrà gestito attraverso il sito LIBRERIA DEL SANTO. Il volume può essere richiesto anche direttamente al Centro Studi Antoniani inviando una email a info@centrostudiantoniani.it

Contenuto

Sommario in lingua italiana
Il volume offre gli Atti del Convegno tenutosi a Padova nel maggio 2019. In continuità con precedenti convegni dedicati al Tre e Quattrocento, le relazioni indagano su una felice stagione di rinnovamento vissuto nella Basilica del Santo di Padova a partire dalla riscoperta e rivalutazione del gusto medievale grazie all’opera di Pietro Selvatico e proseguita dall’allievo Camillo Boito. I ventotto contributi proposti, oltre a sviluppare il contesto storico vissuto dalla Basilica e dall’annesso convento francescano (soppressioni ottocentesche, passaggio di proprietà alla S. Sede), fa emergere figure protagoniste dell’arte e della committenza, con attenzione a interventi di manutenzione e rinnovamento artistico di questo complesso, che ha avuto l’apice nell’opera di Boito (rifacimento dell’altare donatelliano), nella prolungata stagione pittorica che da Casanova, attraverso De Carolis, Pogliaghi, giunge fino ad Annigoni. Contributi propongono il collegamento con l’incipiente arte della fotografia, il gusto dei calchi in gesso delle opere più significative, la felice stagione musicale (da Tebaldini a Ravanello, con il rifacimento degli organi). Peculiarità degli Atti è il confronto con altri contesti artistici contemporaneamente presenti in Italia (Milano, Bologna, Firenze, Loreto).
Gli Atti costituiscono un imprescindibile punto di riferimento per una lettura multidisciplinare (storica, pittorica, architettonica) della storia culturale dell’Italia tra Otto e Novecento.

Sommario in lingua inglese
The book contains the Proceedings of the Conference held in Padua in May 2019. Like the previous conferences dedicated to fourteenth and fifteenth centuries, the reports study a happy period of renewal for the Basilica of Santo of Padua: from the rediscovery and revaluation of medieval taste carried out by Pietro Selvatico and continued by the pupil Camillo Boito. The book contains 28 articles that describe the historical context of the Basilica and the Convent (nineteenth-century suppressions, transfer of ownership to the Vatican), recall people who are the protagonists of art and of the commition, with attention to maintenance and artistic renewal. We remember the work of Camillo Boito (remake of the Donatello Altar), Achille Casanova, Adolfo De Carolis, Lodovico Pogliaghi, Pietro Annigoni. Some articles propose studies on photography, plaster casts, music (from Tebaldini to Ravanello, also with the remaking of the organs). In the book there are also important comparisons with other contemporary artistic contexts in Italy (Milan, Bologna, Florence, Loreto).
The Acts constitute an extremely important point of reference for the multidisciplinary (historical, pictorial and architectural) reading of cultural history of Italy between the nineteenth and twentieth centuries.

INDICE dei contributi
Luciano Bertazzo, La comunità francescana del Santo nel periodo delle soppressioni ottocentesche (1810-1866)
Gianmario Guidarelli, La Basilica del Santo nel quadro dei santuari italiani (secoli XV-XVIII)
Giorgetta Bonfiglio-Dosio, La documentazione relativa agli interventi artistici otto-novecenteschi
Alexander Auf der Heyde, Tra connoisseurship e militanza culturale: Pietro Selvatico e Ernst Förster nell’oratorio di San Giorgio (1837-1846)
Sofia Stefani, La guida storico-artistica di Bernardo Gonzati (1852-1853)
Guido Zucconi, Selvatico e Boito di fronte alla grande fabbrica medievale
Maria Beatrice Gia, Tra committenza e operatività: Valentino Schmidt (1853-1890)
Mauro Cozzi, Intorno a Santa Maria del Fiore. Trasformazioni, arredi, proposte dall’Ottocento al Novecento
Francesco Repishti, Il duomo di Milano nell’Ottocento e la ricerca del carattere ‘‘gotico’’
Elisa Baldini - Giuseppe Virelli, Il ‘‘Bel San Francesco’’ di Alfonso Rubbiani. Un cantiere pilota per il rinnovamento dello stile. Accordare i diritti della storia con i diritti del sentimento: il restauro tra identità e stile
Giuseppe Virelli, Il ‘‘Bel San Francesco’’ di Alfonso Rubbiani. Un cantiere pilota per il rinnovamento dello stile. Neomedievismo e liberty nelle cappelle di San Francesco
Mariano Apa, Conferma del linguaggio. Ludovico Seitz a Loreto e a Padova
Angelo Maggi, La Basilica del Santo nel divenire fotografico
Chiara Marin, I calchi del Santo nel dibattito artistico dell’Ottocento: tra provvedimenti di tutela e valorizzazione del patrimonio
Giovanna Baldissin Molli, Il portale della Basilica di Sant’Antonio e Camillo Boito
Davide Banzato, Padova, Boito, l’altare del Santo. Tra culto, conservazione, fruizione
Francesca Castellani, Il cantiere- scuola
Giulia Foladore, Figure della committenza della Veneranda Arca tra il 1890 e il 1950 circa
Elena Di Raddo, La questione dello stile a confronto con il tema del sacro: Lodovico Pogliaghi e Adolfo De Carolis
Antonio Lovato, L’organo del Santo (1895-1931) e il recupero della musica antica
Marco Caroli, Giovanni Tebaldini, maestro di cappella al Santo (1894-1897) e il recupero della musica antica
Maria Nevilla Massaro, Oreste Ravanello (1871-1938): la sua attività a Padova
Stefano Franzo, Una rassegna per l’arte liturgica: tangenze veneto-lombarde in «Arte Cristiana»
Enrico Baruzzo, La cessione della Basilica di Sant’Antonio alla Santa Sede. I passaggi istituzionali e la reazione della città di Padova
Stefano Zaggia, Il Santo nel quadro dell’evoluzione urbana di Padova tra fine Ottocento ed epoca fascista
Marta Nezzo, «Biblia pauperum» anni Trenta. Pittura murale in Basilica durante il fascismo
Deodato Tapete, Annigoni al Santo: la chiusura di un ciclo artistico o il lascito dell’uomo Annigoni? Con Studi, bozzetti, gigantografie e tirature a stampa di Pietro Annigoni
Guido Zucconi, Considerazioni finali