Padre Antonio Maria Bolognini (1868-1942)

cop_varia63.jpg
Luciano Bertazzo
Collana
Varia - VARIA
Edizione
1
Anno
2019
Pagine
69
Formato
21x15
Illustrazioni
si
Destinatari

cultori di storia e francescanesimo conventuale

Tipo copertina
Brossura
ISBN
978-8895908-15-1
Cod. CSA
VARIA63
Lingua
Italiano
Contenuto

NOTE: Scritti già pubblicati in: «Il Santo», 57 (2017), fasc. 3.

SOMMARIO
Il contributo propone il percorso biografico di padre Antonio Bolognini (1868- 1942), francescano conventuale. Originario di Lumezzane (Brescia), entrò giovane tra i francescani conventuali nel seminario dell’isola di Cherso (Istria) percorrendo il suo curricolo di studi e di formazione fino al sacerdozio. Dopo anni di attività nell’isola, venne trasferito nel convento di Camposampiero, da poco recuperato all’Ordine, impegnandosi in una laboriosa attività di ricostruzione del sito che conservava la memoria antoniana. Nel 1907, con il ricostituirsi dell’antica Provincia di S. Antonio, staccata da quella dalmata di S. Girolamo, venne eletto primo ministro provinciale. Un compito che svolse ripetutamente fino al 1919, impegnandosi nell’organizzazione della giovane Provincia francescana con particolare attenzione alla formazione dei giovani. Nel 1922 veniva rieletto ministro provinciale. Sono gli anni in cui affianca attivamente l’attività di un sacerdote padovano don Giuseppe Paccagnella in un’attività caritativa a favore di ragazzi poveri aprendo la ‘‘Casa Buoni Fanciulli’’. Un’attività in cui svolge una presenza particolare Lina Salvagnini, una giovane donna dotata di particolari doni mistici. Sono questi a provocare sospetti e malignità, con grande scalpore in città, fino a determinare l’intervento del S. Offizio che, dopo aver condotto una severa inchiesta, condanna i protagonisti a rilevanti sanzioni canoniche. Padre Bolognini si sottomette pienamente alla condanna. Trasferito a Roma, impedito di tornare a Padova, trascorrerà il resto della vita nella Città eterna, svolgendo vari compiti a servizio dell’Ordine e della Congregazione dei Sacramenti. Per la prima volta il contributo rileva le motivazioni della sua condanna, completamente tacitate nella buona memoria che di lui si ha sempre avuto nella vita della Provincia del Santo.

Parole chiave: P. Antonio Bolognini; Provincia di S. Antonio OFMConv; Basilica di S. Antonio; Padova; Don Giuseppe Paccagnella; Lina Salvagnini; ‘‘Casa Buoni Fanciulli’’; S. Offizio.

SUMMARY
The contribution proposes the biographical path of father Antonio Bolognini (1868-1942), Conventual Franciscan Friar. Native of Lumezzane (Brescia), he entered as a young man among the Conventual Franciscans in the seminary of the island of Cherso (Istria) following his curriculum of studies and formation up to the priesthood. After years of activity on the island, he was transferred to the convent of Camposampiero, recently recovered by the Order, engaging in a laborious reconstruction work on the site that preserved the Antonian memory. In 1907, with the reconstitution of the ancient province of St. Anthony, detached from the Dalmatian one of St. Jerome, was elected provincial prime minister. A task that he repeatedly took to heart until 1919, engaging in the organization of the young Franciscan Province with particular attention to the formation of young people. In 1922 he was reelected provincial minister. These are the years actively alongside the activity of a paduan priest don Giuseppe Paccagnella in a charitable activity in favor of poor children by opening the ‘‘Casa Buoni Fanciulli’’ (‘‘Children Home’’). An activity in which a young woman, Lina Salvagnini, with special mystical gifts played a special part. These will cause suspicion and malignity, with a great stir in the city, to cause the intervention of the Holy Office, which, after conducting a through investigation, condemns the protagonists to major canonical sanctions. Father Bolognini fully submitted to the conviction. Transferred to Rome, prevented from trespassing in Padua, he will spend the rest of his life in the Eternal City, performing various duties at the service of the Order and the Congregation of the Sacraments. For the first time, the contribution points to the reasons for his condemnation, completely silenced in the good memory that he has always had in the life of the Province of St. Anthony.

Keywords: Fr. Antonio Bolognini; Province of St Anthony OFMConv; Basilica of St Anthony; Padua; Don Giuseppe Paccagnella; Lina Salvagnini; ‘‘Casa Buoni Fanciulli’’; Holy Office.

INDICE
PREMESSA
IL PERCORSO BIOGRAFICO: Gli anni della formazione; Il periodo a Camposanpiero (1901 -1922).
LA RIFONDAZIONE DELLA PROVINCIA DI S. ANTONIO: MINISTRO PROVINCIALE (1907-1919; 1922-1924): Tensioni fra le due com ponenti italiana e dalmata; La rifondazione della Provincia di S. Antonio o del Santo; Padre Bolognini ministro provinciale.
IL CASO PADOVANO DI LINA SALVAGNINI: Premessa; Il dossier don Giuseppe Paccagnella; La "Casa Buoni Fanciulli" e le manifestazioni mistiche di Lina Salvagnini, La convinta adesione di padre Bolognini; Il pentimento di padre Bolognini: "illusioni e inganni".
APPENDICE I, II, III, IV